« …Francesca Aspromonte, giovane soprano di musicalità imperativa, capace di trascolorare in un battibaleno dal registro brillante a quello patetico, e di fondere inestricabilmente le ragioni del canto con quelle della poesia e del gesto: non solamente una promessa, ma già una delle più complete artiste che il teatro d’opera dell’età del basso continuo possa oggi vantare… »

apemusicale.it

 
 
 
 
 
 

FREN

 

Nata nel 1991, Francesca Aspromonte si sta rapidamente affermando come una delle più interessanti giovani interpreti del repertorio classico e barocco.

Dopo gli studi di pianoforte e clavicembalo, inizia a cantare con Maria Pia Piscitelli e si diploma nel 2014 col massimo dei voti e la lode al Mozarteum di Salisburgo guidata da Boris Bakow. Ha studiato con Renata Scotto all’Opera Studio dell’Accademia di Santa Cecilia a Roma ed ha approfondito il repertorio di Sei e Settecento alla 20° Academie Baroque Européenne d’Ambronay. Attualmente si perfeziona con Fernando Cordeiro Opa. Si è già esibita su palcoscenici come la Carnegie Hall, l’Opéra Royal de Versailles, la Wigmore Hall, la Wiener Konzerthaus, il Teatro La Fenice, il Wiener Musikverein, la Royal Albert Hall, l’Opéra de Vichy, l’Opera de Nancy, il Bozar de Bruxelles, l’Opéra National de Montpellier, l’Opera di Firenze, l’Opera National de Bordeaux, ed ha lavorato con direttori quali John Eliot Gardiner, Giovanni Antonini, Christophe Rousset, Leonardo Garcia Alarcon, Raphael Pichon, Enrico Onofri, Stefano Montanari, Alessandro Quarta, Vaclav Luks.

Francesca ha inciso per Alpha Classics, Outhere, Christophorus e alcune tra le sue performances sono state trasmesse dalla BBC, Mezzo tv, France Musique, Rai Radio 3, ORF.

Tra i suoi passati impegni, ricordiamo: il ruolo titolo dell’Erismena di Francesco Cavalli al Festival di Aix-en-Provence e in tour sotto la direzione di Garcia Alarcon; La Musica e la Messaggiera ne L’Orfeo di Monteverdi diretto da John Eliot Gardiner per i BBC Proms 2016; La Vergine ne La sete di Christo di Pasquini, il ruolo titolo nella Giuditta di Scarlatti e nella Conversione di Maddalena di Bononcini con Alessandro Quarta e Concerto Romano; ruolo titolo ne La Dafne di Caldara diretta da Stefano Montanari a Venezia; la registrazione della Cantata “Solo et pensoso” di Haydn per il progetto Haydn 2032 con il Giardino Armonico e Giovanni Antonini; “Amore Siciliano”, un programma creato insieme a Leonardo Garcia Alarcon che fonde musica di compositori siciliani del 600 alla canzone popolare calabrese; Euridice ne L’Orfeo di Luigi Rossi all’Opéra National de Lorraine a Nancy e all’Operà Royal de Versailles con Raphaël Pichon e l’Ensemble Pygmalion (Grand prix de la Critique 2016 come miglior spettacolo della stagione).

Tra i suoi impegni futuri: il debutto nel ruolo di Zerlina nel Don Giovanni all’Opera National de Lorraine a Nancy ed a Lussemburgo diretta da Rani Calderon, concerti con i Bochumer Symphoniker e la Camerata Bern diretta da Enrico Onofri; il ruolo titolo nella Maddalena ai piedi di Cristo di Caldara con Collegium 1704 e Vaclav Luks; la Passione Secondo Giovanni di Bach alla Konzerthaus

Biografia Completa